momentox

29 luglio 2009

Anche oggi stanco morto. Riuscito a fare niente. Svegliato con Gioia alle 7, andato alla stazione, andato alla polizia, andato in banca, andato a casa a piedi. Sentita mia sorella per farmi prestare soldi, ottenuti i soldi, sentita mia madre, risentita mia sorella, preoccupazione per i soldi,  dette bugie, tagliato corto, ottenuti i soldi, dette altre bugie, al supermercato per prendere lo zucchero artificiale la coca cola i sacchetti per fare il ghiaccio un collega mi dice che se ho bisogno di soldi me li presta lui, mi dice che lo scrittore di cui gli parlavo ha oggi due pagine su Repubblica, mi fa star male, che bello!, dico, e mento, lo ringrazio, gli dico che gli presto il libro, e intanto precipito… comunque a piedi, fino a venerdì niente moto, e ringraziare Gioia che mi salva con il bene e i consigli: due sere fa ero in lutto, fortunatamente andavo da lei, avevo una meta, pensavo, mentre tutto sembrava ritrarsi durissimo nell’imbrunire di pietra sputando per terra con le braccia conserte: la mia città. Arrivato a casa sudato affranto guardate un po’ le notizie del giorno, non ricordo niente, niente di particolare, ieri Clooney e la ex velina, che scivolone Clooney!, vista una ragazza del centro con stivali in pelle nera al ginocchio alla moda di merda con le dita e i calcagni di fuori e portava le unghie dei piedi lunghe e limate a punta come artigli, un orrore, comunque sentita Gioia al telefono, poi ancora mia madre, quindi addormentato di schianto sulle 14.30. Fuori, vedo, c’è ancora un bel sole, sono le 19.30. Fra un’ora il tram. Cena con pizze per asporto, pago io, dice Gioia, ti racconto quel che è successo oggi al lavoro, mi dai un’opinione: sta camminando svelta perde il vaporetto impreca mi domanda di guardare in internet se le è arrivata una cosa. Mi consiglia di lasciar perdere il racconto della madonna che dovevo finire due mesi fa e riprendere quel che stavo facendo prima con la scrittura. Praticamente abortito, mi sa. Quello che stavo facendo prima, però, al confronto, è incubo e in questi giorni di incubi ne ho a sufficienza. Anche questo blog mi fa una strana impressione. Gli ultimi due post ho pensato di sopprimerli. Cose che mi succedono non è il caso di dirle, cose di cui mi è capitato di parlare, idem. E poi dire il mio nome?, cambiare il mio nome, e via discorrendo, problematizzando: ma de che? Allora cosette, tipo: il prato della valle, la sera, cioè la piazza più grande della città in cui vivo, che è Padova – si può mettere un link, con una foto, penso, senza star tanto a spiegare: bello, questo – una piazza rotonda con un parco in mezzo, con parecchia gente la sera che passeggia o si siede sull’erba o nel centro presso la fontana e mangia un gelato e prende il fresco, oppure amoreggia nelle zone buie, noi invece attrezzati per la cena mangiamo panini buonissimi e beviamo una birra, da Gioia c’è la coinquilina, ha un periodo tremendo, meglio lasciarla in pace, e poi facciamo una cosa differente senza spendere molto,  facciamo una cosa un po’ rumena, un po’ moldava, visto che la situazione per me finanziariamente si è messa male, ma non è detta l’ultima parola, paga Gioia, i panini, li ha fatti lei, e sta lavorando!, un tesoro!, poi si va da me a dormire. I ragazzi stranieri, sconvolti, a torso nudo, si passano la roba di mano in mano fermandosi davanti a noi quattro cinque minuti, equipaggiati per la notte, dormono fuori con questo caldo, si fanno la loro vacanza, vediamo anche ragazzi più grossi, più alti, meglio vestiti, e soli, lo sguardo lungo, gigolò, passeggiano nel buio, fanno pensare a Pasolini, noi come non esistessimo seduti sul bordo del canale con i panini e le birre parliamo e diciamo ridicolo l’esercito nelle città come non si sapesse chi come dove quando. Poi un gelato da Grom, che è una catena di gelaterie molto buone e genuine, poi qui da me a dormire. Ah, ecco, si, dimenticavo: sono in ferie.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: