ultima lezione nella cripta (atticelluzzo primo)

3 novembre 2009

Non eravamo che uno sparuto gruppo di autodidatti. Fuorilegge, naturalmente. Il dottor don Cinzano era stato scaricato da un pezzo. In Curia non ne volevano più sapere. Ma rischiava ben più che la scomunica. Narciso Isolabella, il figlio del professore – il cui corpo giaceva morto ma non morto sul tavolo anatomico della cripta – armeggiava attorno a dei cofanetti che contenevano attrezzi e fiale.

Vedete?, diceva il dottore. Ecco il male. Osservate come abbia bisogno, per nutrirsi, di brandelli di carne. Sana, ovviamente. Consacrata e opportunamente trattata. Ma divora il corpo sempre più in fretta e la sopravvivenza del professor Isolabella, o meglio, il suo risveglio, è sempre più breve. Il male divora la carne per il quotidiano soffio di fiamma. Come dire: il male è l’ingrediente fondamentale che produce, in combustione con la carne, la vita. Il male è progredire divorante della morte, ma non è morte, è la sua forma vivente. E’ natura vivente vivificante della morte. La sua forma vivente vivificante erode per combustione la carne consacrata.

Allungava frattanto, Narciso, la sua bacchetta sul corpo disteso del padre. La carne era marrone, legnosa, e tuttavia ben conservata. La salma non aveva perduto i capelli che, anzi, erano cresciuti parecchio, giungendo fin quasi alle spalle; pur presentando striature giallastre, non apparivano bianchi più di quanto lo fossero all’epoca della morte. Sembravano più grossi, infeltriti, stopposi. Due dita di barba coprivano le guance. E anche le unghie erano lunghe: continuavano a crescere, necessitavano cure. Il corpo, avvolto in un lenzuolo bianco, giaceva in una sorta di materasso incassato in una madia di legno nero. Non proprio una bara e non proprio un letto.

All’inizio avevamo provato una contrastata mescolanza di emozioni. Pietà, orrore, meraviglia. Ma fu quando vedemmo gli occhi – quegli occhi! – schiudersi e la mano sollevarsi, che vacillammo.

(cont-)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: