imago dolens

10 novembre 2009

scansione0022

Un amico mi spedisce due o tre antichissime foto. Di foto mie ne posseggo assai poche, ma di quel periodo – vent’anni appena passati – pressoché nessuna. Rivedermi a quell’età, un’età della quale ho per altro ricordi minuscoli ed estremamente confusi, mi ha lasciato di stucco. Sarà che ieri sera al cinema ho visto Dillinger, cioè Public Enemies, di M. Mann. E che la foto oltre che scattata a New York, in un albergaccio pazzesco, sembra di un secolo fa. Ma diocaro. Quanto decrepito sono? E che razza di pagliazzo dovevo essere?!

Annunci

5 Risposte to “imago dolens”

  1. Pierluigi said

    Sembri un divo del cinema!
    A quei tempi te la cavavi bene, e non è che oggi sei proprio da buttare, sebbene un po’ di smalto s’è perso.
    Ricordo che al IV Liceo Scientifico, non c’era ragazza che non sapesse chi eri, ed in fondo che non avesse un debole per te.
    Credo che sia stato allora che cominciai a realizzare che il mondo andava migliorato: troppe cose non tornavano.
    Va anche detto che la foto che hai appiccicato è molto ben riuscita, e siccome un po’ d’acredine m’è rimasta da quei tempi te ne rimpallo altre due.
    Forse per affievolire l’effetto della tua o forse per ricordare quei tempi ti linko due foto fatte a Venezia al mitico concerto dei Pink Floyd del 1989, quello che rese famosi i Pitura Fresca con la canzone “Pin Floi”
    Era un concerto gratuito che portò in città una tal quantità di “maraglia” che la città si trovò sommersa di rifiuti, pisciate, e metà dei monumenti danneggiati.

    Ho un ricordo di me ubriaco e urlante in mezzo all’acqua, aggrappato ad una bricola (i pali per segnalare i canali), ma non riesco a realizzare come avevo fatto ad arrivarci.

    Nella prima foto ci siamo io, te, Marco, Kontz, Luca, la sua ragazza e suo fratello.
    Sarà che avevamo la mascella occupata ma sembriamo dei mongoloidi in gita.

    Nella seconda ci sei tu, e in primo piano il mitico Kontz, che ora è in “collegio” per via di quella brutta faccenda di banche e taglierini.

    VeneziaConcertoPinkFloyd1

    VeneziaPinkFloyd2

  2. mbrt0 said

    Ciao Piero, mamma mia. De profundis, veramente. Belle però. C’è al tempo stesso una luce chiarissima, estremamente trasparente. Sembrano scattate ieri. E che sorriso ha Konz? Cos’avrebbe detto, immediatamente dopo, cosa stava per uscirgli? Sai che di quel giorno non ricordo nulla? Però sono quasi certo che la casa alla quale siamo appoggiati è quella di Nadia, dove Enrico ha abitato un certo tempo. E’ possibile?

  3. Pierluigi said

    Si. E’ così. La casa è di Nadia, ed Enrico ci sta facendo la foto.

    Simpatica la cartaccia davanti a tutti, nella prima foto, a ribadire che la “monnezza” è stata una grande protagonista di quel concerto.
    Cosa facessi tu scalzo non mi è chiaro e non mi aiuta la memoria, ma l’immagine dei tuoi piedi ben si accompagna con la cartaccia in primo piano.

    La seconda, è davvero una bella foto. Un fotogramma di realtà. Kontz sembra sul punto di uscirsene con una delle sue arguzie scanzonate.
    A guardarlo negli occhi, in questa come nell’altra foto, sembra quasi sapere cosa avrebbe combinato un po’ d’anni dopo, e tutto sommato, ridersela.

  4. monica said

    otto, o sette, o nove, anni fa eri più bello !

  5. ludeangeli said

    il defunto River Phoenix.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: