parigi

30 aprile 2011

E così con Gioia andiamo a Parigi per una settimana.

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

In seguito non riuscii a fare altro che pensare al sesso e non avendone a portata di mano, o almeno, non della qualità che speravo, proprio quando tutto lasciava supporre che le cose stessero finalmente per disporsi al meglio, inaugurai una delle stagioni più frustranti della mia vita.

Leggi il seguito di questo post »

gioia su greenberg

18 aprile 2011

Greenberg di Noah Baumbach, con Ben Stiller, Greta Gerwig, Rhys Ifans, Jennifer Jason Leigh, Merrit Wever

L’elaborazione del fallimento e lo stato di sospensione che ne consegue sono il motore di due tra le pellicole più interessanti della stagione: Tournée (di cui si è già parlato qui), oltre che oscenamente doppiato, distribuito in una vergognosa brancata di sale; e Greenberg, che la distribuzione italiana ha promosso come commedia divertente e “carina”, non accontentandosi di affibbiargli un titolo demenziale come Lo stravagante mondo di Greenberg, ma mettendo anche in circolazione un trailer che ne perverte totalmente il senso.

Leggi il seguito di questo post »

gioia su tournée

7 aprile 2011

Tournée di Mathieu Amalric. Con Mathieu Amalric, Miranda Colclasure, Suzanne Ramsey, Linda Marraccini, Julie Ann Muz, Angela De Lorenzo, Alexander Craven, Ulysse Klotz, Damien Odoul

I grandi film si fondano sempre su un eccesso. Eccesso di visione, eccesso di immaginario, eccesso di senso. “I overreacted” dice Bill alla Sposa prima del duello finale in Kill Bill vol. II. “Ho reagito in modo eccessivo”. È una frase di grande ambiguità, poiché si riferisce sia ai fatti contingenti (Bill aveva commesso una carneficina il giorno del matrimonio della donna, culminata col tentativo di uccisione della stessa), sia al costante rimando meta-cinematografico che caratterizza il film. A eccedere è il cinema stesso, fuoriuscendo dalla schermo e inondano gli occhi e la mente dello spettatore. Per eccedere serve coraggio ed enorme fiducia nel proprio mezzo. “Fare una cosa pericolosa con stile è ciò che io chiamo arte”, scriveva Bukowski in una sua poesia. Tournée è un magnifico film di eccessi, sbilanciato, straripante, vivido.

Leggi il seguito di questo post »